logo

EIFF – ECOLOGICAL INTERNATIONAL FILM FESTIVAL

www.ecologicofilmfestival.it

 

La Fondazione Valerio Zingarelli Onlus sostiene l’Ecological International Film Festival perchè crede che il cinema sociale sia uno strumento straordinario di indagine sociologica e abbia un valore di testimonianza diretta capace di parlare un linguaggio universale e accrescere la consapevolezza collettiva su tematiche e realtà a volte poco conosciute. Da quest’anno l’Eiff ha deciso di dedicare il premio Taurus per il miglior lungometraggio alla Fondazione Valerio Zingarelli.

foto-2Si è svolta quest’anno la sesta edizione dell’Ecologico International Film Festival a Nardò, l’evento organizzato dall’associazione “Contemporary Art Addiction” (con il patrocinio e il sostegno della Regione Puglia, del comune di Nardò e della Fondazione Valerio Zingarelli, main sponsor) che ha coinvolto come giurati i direttori della fotografia Fabio Zamarion e Pippo Affinito, il senatore Franco Danieli, la regista Francesca Muci, il montatore Andrea Pisacane, il giornalista Alfredo Quarta, il regista Roberto Quarta, l’avvocato Gabriele Russo, il responsabile del Centro Servizi bibliotecari di Nardò, Mauro Vaglio e il top manager Valerio Zingarelli.

Nella suggestiva cornice del Chiostro di Sant’Antonio, con l’accompagnamento della musica proposta dal jazzista Mauro Tre, si è svolta la serata finale dell’evento. All’Eiff è sempre il “sociale” il motivo dominante e anche in questa occasione non sono mancati importanti momenti di riflessione, come quello suggerito da “God Save the Green” il film vincitore del premio principale, il Taurus Fondazione Valerio Zingarelli, che racconta sette storie di donne e uomini che, in luoghi distanti nel mondo, riconquistano il senso sociale della cittadinanza attraverso la coltivazione dell’orto urbano, riuscendo a dare un nuovo senso alla parola comunità e, allo stesso tempo, riuscendo a cambiare in meglio il luogo in cui vivono. O quella, mista a tanta nostalgia, proposta da “Oroverde”, il film vincitore della sezione Taranta Movie, che ricorda il periodo e la storia della rivolta delle tabacchine.
eiff
Introduzione del Presidente Valerio Zingarelli al catalogo dell’EIFF.

La costituzione della Fondazione Valerio Zingarelli – ONLUS rappresenta il coronamento di lunghi anni di iniziative e interessi nel “sociale”. In primis per gli emarginati, i discriminati, le vittime di violenza, i disabili.

Ma “sociale”, per quanto mi riguarda, vuol dire anche contribuire a realizzare direttamente progetti per una migliore qualità della vita di tutti. Il che vuol dire la diffusione della cultura della conoscenza dell’ambiente, delle risorse naturali, della convivenza negli ambienti urbani e nelle giungle d’asfalto e cemento……

Quando mi è stato presentato l’Ecologico International Film Festival ho visto con entusiasmo la possibilità di coniugare le diverse anime che mi appartengono: la passione per il cinema come forma d’arte, l’amore per la natura e per il pianeta Terra abitato oggi da 7 miliardi di persone, che diventeranno 9 miliardi fra trent’anni continuando con questo tasso di crescita demografica . E poi la mia passione per la scienza e la tecnologia, che in realtà rappresentano la mia forma mentis, il mio imprinting e….. la mia professione.

Negli ultimi anni mi sono dedicato a studiare e a sviluppare le migliori e più innovative tecnologie per la realizzazione di quelle che oggi sono chiamate le “smart city”, termine con cui intendiamo le città a misura d’uomo, sostenibili sia per quanto riguarda la produzione e il consumo delle risorse energetiche, sia per quanto riguarda la mobilità, i materiali, la minimizzazione dell’inquinamento dell’ambiente naturale. Ma “smart” anche perchè devono essere inclusive e non discriminanti per tutti, perché devono dare a tutti i migliori mezzi e metodi di informazione, di comunicazione, di “edutainment”, di protezione e sicurezza.

Il tema delle “smart city” può rappresentare una formidabile opportunità di sviluppo e lavoro, a cominciare dai giovani, che sono chiamati a ideare e sviluppare soluzioni innovative nei mille settori e servizi che compongono il nuovo paradigma di convivenza urbana. Il media di comunicazione e informazione, e in particolare il cinema e le forme di espressione tramite immagini e video, anche nelle loro forme più nuove, dal web ai social network agli smartphone, appartengono a tale paradigma e permetteranno a diffondere la conoscenza e la partecipazione allo sviluppo di un futuro di alta qualità.

foto-1